Il Blog di Simedica.tv

Intervento di Cataratta: nuove tecniche con laser a femtosecondi


L’intervento di cataratta oggi può essere effettuato, oggi, utilizzando non più la tecnologia con pinze, bisturi e utlrasuoni, ma la tecnologia con il laser a femtosecondi. Questo consente una maggior precisione dell’intervento e migliori risultati. L’ulteriore evoluzione del laser a femtosecondi, in questo ultimo anno, è stata di poter acquisire e guidare il fasci del laser direttamente posizionandosi sulle strutture oculari che sono state riconosciute preventivamente nella fase pre-operatoria. In questo modo possiamo decidere di utilizzare un cristallino artificiale, i cosiddetti cristallini premium che correggono miopia, ipermetropia, astigmatismo e anche la presbiopia se le strutture oculari del paziente lo consentono. Possiamo utilizzare questi cristallini con maggiore precisione, perché le immagini e le scansioni che vengono effettuati nella fase pre-operatoria, verrano poi utilizzate per riposizionare il laser seguendo l’imprinting dall’immagine precedente l’intervento. E questo ci garantirà la maggior sicurezza e il laser riconoscerà l’occhio del paziente e quindi potrà lavorare solo se ritrova quell’occhio per cui è stato programmato di lavorare. Questa è un ulteriore garanzia di sicurezza e di efficienza. La velocità del laser a femtosecondi poi è incredibile perché in poco meno di un minuto riesce ad effettuare l’ottanta per cento dell’intervento. Quindi resta poi soltanto la componente manuale dell’intervento che è sempre indispensabile per aspirare il cristallino che è stato preparato dal laser e per iniettare il cristallino artificiale. In questo modo abbiamo il top della garanzia di sicurezza , precisione del risultato, qualità visiva per il paziente e questo spiega anche perché l’intervento di cataratta viene effettuato sempre più spesso e in pazienti sempre più giovani, perché viste le esigenze visive della vita del giorno di oggi fra telefonini, computer e quant’altro, non abbiamo più l’ottantenne, ma abbiamo il paziente sessantenne che quando comincia la cataratta vuole già avere un buon risultato.